F.C. Ponsacco 1920

Al cuor non si comanda. La presentazione di mister Marmugi: ”Ponsacco la realtà che mi ha emozionato di più in 30 anni di calcio, non potevo dire di no”

Ponsacco, sabato 25 gennaio 2020 – L’affetto e i legami più forti delle difficoltà, economiche e sportive. Attraggono ancora i colori rossoblù, nonostante le peripezie societarie, almeno coloro che li hanno conosciuti da vicino. Non a caso parte proprio da qui la presentazione di Riccardo Marmugi, dall’inizio della settimana nuovo allenatore del Ponsacco al posto del dimissionario Pagliuca, e che domani contro il Grosseto tornerà a sedersi sulla panchina del Comunale, quella che ha occupato per una stagione intera fra il 2010 e 2011 coronata con una salvezza in serie D ai play-out, inutile sul piano sportivo dato che poi il club rossoblù non s’iscrisse comunque al campionato, ma che ha lasciato una traccia profondo nel cuore del tecnico: “In trent’anni di lavoro nel mondo del calcio, Ponsacco è la piazza che mi ha emozionato di più, lasciandomi legami e amicizie che non si dimenticano – ha esordito Marmugi – ecco perché, nonostante una situazione non priva di difficoltà, non potevo non accettare”.

A scanso di equivoci, Marmugi non era in cerca di una panchina a tutti i costi: dopo Ponsacco è stato a Castelfiorentino, Cerretese e Forcoli e da due anni collabora con il Gozzano, club piemontese di Lega Pro, come responsabile degli osservatori: “Ma a certe telefonate – sorride – non si può dire di no”. Con lui ci sarà il preparatore atletico Alessio Pugi, ponsacchino doc, e già suo braccio destro nel Forcoli, già in forza al club rossoblù nel 2012-13.Un sodalizio nato per caso e divenuto legame che va oltre il fatto meramente professionale: “Con Marmugi sarei andato ovunque, ma lavorare per la squadra della mia città è senz’altro un grandissimo stimolo” dice. Nel ruolo di vice allenatore, invece, è stato promosso Livio Paci, che comunque conserverà anche il ruolo di tecnico della Juniores Nazionale mentre come preparatore dei portieri è rimasto Davide Biancalani.

Domani arriva il Grosseto, una delle corazzate del campionato. “Ho trovato un gruppo spregiudicato e coraggioso, qualità che mi avevano colpito anche osservando la squadra da fuori e che hanno bisogno di essere rivitalizzate con un’iniezione di fiducia – dice Marmugi -. Fisicamente stanno molto bene, segno che chi mi ha preceduto ha svolto un ottimo lavoro”. Contro i maremmani non ci sarà lo squalificato Chelini e gli infortunati Reymond e Pelliconi. A disposizione, invece, Sem Kamana (26 anni), l’ultimo arrivato in casa rossoblù, grazie al lavoro del diesse Jacopo Bartocci e alla collaborazione degli agenti del giocatore Stefano Squitieri e Valentino Viviani. Camerunense di 26 anni, fino dicembre ha giocato nel Tolentino (Serie D girone F): cresciuto nel settore giovanile del Parma, in passato ha vestito anche le maglie di Juve Stabia (una presenza in B con mister Braglia in panchina), Nocerina (Lega Pro), Sersale e Tolentino (Serie D) oltre a un’esperienza allo Gzira United (serie A maltese). Il giocatore è già a disposizione. “Altri rinforzi? Ci siamo lavorando, anche se la situazione non è semplice perché in questo momento non possiamo assolutamente mettere mano al portafogli” spiega Bartocci. Che poi ringrazia l’ormai ex tecnico Luigi Pagliuca “per il lavoro fatto e la professionalità dimostrata: mi è spiaciuto molto per la sua decisione, ma la accettiamo. Ora, però, dobbiamo guardare avanti”.

 

Condividi