F.C. Ponsacco 1920

Il Ponsacco verso la sfida salvezza con l’Aglianese: Pagliuca, ”dovrà essere la partita della rinascita”

Ponsacco, sabato 14 dicembre 2019 – “Sono qui perché il Ponsacco mi somiglia: è una piazza affamata di calcio, che cerca il rilancio dopo le vicissitudini estive, esattamente come me” dice Francesco Ferrari, 21 anni, difensore centrale scuola Juve con trascorsi anche nelle Primavera di Cesena e Spal e cinque gettoni fra i professionisti con la maglia del Pontedera. “Non ho paura di niente e sono qui soprattutto perché volevo fortissimamente tornare a lavorare con mister Pagliuca” gli fa eco Alessio Fiaschi, 24 anni, portiere fino a qualche giorno fa in forza alla Massese e con trascorsi in D con le maglie di Forcoli, Tuttocuoio e con quel Viareggio allenato proprio dall’attuale allenatore rossoblù.

Sono gli ultimi due arrivati in ordine di tempo in casa del Ponsacco, ma si sono già pienamente calati nel clima e nell’ambiente. “Come mai sono stato un anno fermo? Ho commesso qualche errore di valutazione: dopo le prime apparizioni in Lega Pro, ho rifiutato tutte le proposte che mi sono arrivate dalla serie D perché volevo restare fra i professionisti e così sono dovuto ripartire dall’Ellera, nell’Eccellenza umbra. Ma adesso conta poco: siamo già tutti concentrati sulla sfida di domani con l’Aglianese. Ho trovato un gruppo compatto che non pensa ad altro che a vincere la prossima sfida e io personalmente non vedo l’ora di essere al fischio d’inizio”. E’ carico anche Fiaschi: “Lo spogliatoio è unito e ha in testa una sola cosa che è quella di tornare quanto prima a fare punti, ma non avevo dubbi al riguardo: conosco benissimo l’allenatore e molti ragazzi erano miei compagni a Viareggio, dunque so di che pasta sono fatti”.

La necessità d’invertire la rotta già a partire dalla sfida di domani con l’Aglianese (calcio d’inizio alle 14.30, Comunale di Ponsacco), d’altronde, è stringente: il Ponsacco è reduce da una striscia di cinque ko consecutivi ed è scivolato al penultimo posto in classifica. Dall’altra parte, però, la compagine dell’ex tecnico rossoblù Francesco Colombini, sulla panchina dei pistoiesi da appena una decina di giorni, è appena più roseo: solo due punti nelle ultime cinque giornate e zona play-out che adesso è distante una sola lunghezza. L’importanza della posta in palio è chiarissima anche al tecnico rossoblù Luigi Pagliuca: “Dovrà essere la domenica della rinascita – dice senza mezzi termini -: dobbiamo vincere anche perché i ragazzi meritano di cominciare a raccogliere sul campo quello che seminano. Finora la classifica, con noi, è stata davvero troppo avara”.

Mercato. Saluta anche il portiere Marco Bartolozzi (19): è stato ceduto alla Lampo (in Promozione).

 

 

 

Condividi